home

la rivista
chi siamo
i numeri
gli autori
i collaboratori
abbonamento
inserzioni
contatti

Edizioni Opera Nuova

collegamenti


Edizioni Opera Nuova

Casa editrice no-profit






www.operanuova.com
info@operanuova.com


direttore responsabile

Raffaella Castagnola

comitato scientifico

Beatrice Broggi
Raffaella Castagnola
Luca Cignetti
Gilberto Isella
Paolo Orvieto


La raccolta Caro aberrante fiore, in occasione dei 70 anni dell’autore, fa seguito a Mappe in controluce (Ro Ferrarese, Book Editore), a cui èstato assegnato il prestigioso Premio Giuseppe Dessì (2012). Il fiore del titolo, con il suo vago accenno ai Fiori del male di Baudelaire, non è altro che ilfiore metaforico della memoria. “Caro”, perché l’inchiesta sul nostro passato è intrisa d’affettività, e nello stesso tempo “aberrante”, illusorio come lo sono le aberrazioni ottiche. Non esiste infatti un’esperienza memoriale in
grado di ricuperare senza equivoci, fraintendimenti o perdite, l’oggetto del desiderio (il passato appunto). Secondo una prassi che risale almeno al libro Corridoio polare (2006), l’autore cerca di ordinare il filo del discorso attorno a un nucleo tematico forte (la memoria in questo caso), evitando di inserire testi autonomi e isolati. Di qui l’andamento tendenzialmente poematico dell’opera, suddivisa in tre sezioni: GONDWANA, nella tradizione indù un continente ora scomparso; COSMOFAVOLE, con un soggetto alle prese coi “fantasmi” del suo passato; PRELUDIO E CORRENTE PER ANTONI, con una figura storica, ossia il grande architetto catalano Antoni Gaudì, che s’interroga sui limiti umani del creare.
Gilberto Isella
Caro aberrante fiore

con una introduzione
di R. Castagnola

Edizioni Opera Nuova
Autografica n.10, 2013

Chf 20 / Euro 14
Isbn 978-88-96992-10-4

- poesia